Spedizione gratuita per un ordine minimo di 18 bottiglie. Vai al negozio online
Problemi con l'acquisto online? Richiedi assistenza tecnica cliccando l'icona

Per procedere al checkout ricordati di avere nel carrello un numero di bottiglie multiplo di 6 (6, 12, 18, 24..).

Non hai articoli nel carrello.

GO PEI PV-SENSING

PSR Veneto 2014-2020

Misura: 16 – Cooperazione

Tipo di intervento:

16.1.1 – Costituzione e gestione dei gruppi operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità in agricoltura
16.2.1 – Realizzazione di progetti pilota e sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie

Descrizione operazione:

Il progetto prevede l’utilizzo in vigneto di una particolare sensoristica elettronica per una migliore gestione fitosanitaria contro le infezioni da Plasmopara viticola (agente patogeno della peronospora della vite). La sensoristica, in aggiunta ad una stazione metereologica standard, rileva in maniera automatica parametri climatico-ambientali mai misurati prima in campo. Un modello previsionale, in base alle misure che provengono dal campo, simula il ciclo di vita del patogeno e produce previsioni sul rischio di infezione, che vengono poi tradotte in soluzioni pratiche per l’agricoltore (tempi, dosi di prodotto fitosanitario etc.).
La sperimentazione coinvolgerà 11 imprese agricole (convenzionali e biologiche) per due anni e verterà, prima, sull’ottenimento di dati per calibrare il modello previsionale, poi sulla sua validazione. L’analisi agronomica evidenzierà il risparmio ottenuto negli interventi fitosanitari e l’aumento di accuratezza predittiva imputabile ai nuovi sensori. Un’analisi finale quantificherà il rapporto costi-benefici per le aziende e l’impatto ambientale.

Finalità:

Lo scopo del progetto PVsensing è di fornire all’agricoltore uno strumento di guida per ottimizzare i trattamenti fitosanitari contro la peronospora della vite, razionalizzandoli in base alle reali esigenze della coltura. Il sistema proposto (nuova sensoristica + modello previsionale) fornirà previsioni accurate, rispetto al microclima specifico nel vigneto, sul rischio di infezione ed indicazioni operative per l’agricoltore. Con ciò si mira ad una riduzione degli interventi e quindi ad un risparmio di prodotti fitosanitari e di risorse, con conseguenti benefici economici per l’azienda agricola e una riduzione dell’impatto ambientale.
Il ruolo di TERRE GROSSE all’interno del progetto di Cooperazione è quello di ospitare una sperimentazione in regime biologico e di ospitare alcuni eventi di divulgazione del progetto.

Risultati:

I risultati che il progetto intende raggiungere sono:
1) Mostrare, tramite la validazione in campo del modello previsionale e della sensoristica innovativa, che la gestione del vigneto supportata da tali tecnologie è efficace nella diminuzione dell’impatto ambientale e nella razionalizzazione dei costi di gestione del vigneto
2) Dimostrare in quali circostanze per il produttore è conveniente effettuare l’investimento nel sistema proposto
3) Trasferire il modello di gestione del vigneto supportato dal sistema proposto presso nuovi possibili areali, tramite il networking con la rete comunitaria del PEI-Agri e della Rete Rurale Nazionale

Il termine previsto per il progetto è metà 2020.

Importo finanziato: 330.041,54 € (14.496,80 € per TERRE GROSSE)