Benvenuti, il negozio online e` ora operativo!

Per procedere al checkout devi avere nel carrello un numero di bottiglie multiplo di sei.

Non hai articoli nel carrello.

Crostoli Veneziani (o Galani)

Galani e Grapariol

Galani e Grapariol

La tradizione

In Veneto il Carnevale è molto sentito e in particolare quello di Venezia è diventato una tra le feste più famose al mondo! Non passiamo allora mancare di proporvi la ricetta del dolce più tipico, i crostoli veneziani, o "galani".
Sembra che l' origine di questo dolce risalga ai Romani: durante il periodo primaverile pare fossero soliti preparare dei dolci molto simili con l'impasto delle lasagne (da qui probabilmente l'origine di uno dei termini usati, lagane), fritti nel grasso di maiale e successivamente zuccherati. Nonostante i moltissimi nomi con cui nella regione ed in generale in tutta Italia ci si riferisce a questi dolci, c'è comunque una leggera differenza tra galani e crostoli. I galani sono tipici di Venezia città, sono sottili e friabilissimi ed hanno forma a nastro (galan, appunto): i crostoli, legati invece più alla terraferma veneziana, sono tendenzialmente rettangolari e la pasta resa meno friabile ed un po' più spessa. La ricetta dei crostoli che troverete di seguito è quella realizzata per una vita dalla nostra nonna. Per realizzare i galani, leggeri come deliziose e friabilissime nuvolette, basta semplicemente tirare la sfoglia più sottile, come fosse un velo.
Le dosi, come spesso accade con le ricette tramandate dalle nonne, sono a cucchiai e bicchieri, ma li abbiamo pesati per darvi l'equivalente in grammi.

Ingredienti (4 persone)

  • 400 gr. di farina
  • 100 gr. di zucchero
  • scorza di un limone
  • 2 uova
  • 2 tuorli
  • 100 gr. di burro
  • 1 bicchierino di grappa
  • 1 pizzico di sale

  • Inoltre
  • zucchero a velo per spolverizzare
  • olio per friggere
  • farina per stendere la pasta

Procedimento

Far fondere il burro nel microonde oppure a bagnomaria e lasciarlo raffreddare. Disporre la farina a fontana e al centro mettere le uova intere, i tuorli, lo zucchero, il sale, la grappa e il burro fuso freddo, la scorza di limone finemente grattuggiata. Impastare bene per alcuni minuti fino ad ottenere un impasto bello liscio. Coprire la pasta ottenuta con pellicola trasparente e far riposare per almeno 30 minuti. Stendere la pasta non troppo sottile con della farina sparsa sul piano di lavorazione; stendere e ripiegare la pasta a 4 (tipo pacchetto) e ripetere questa operazione più volte. Infine stendere la pasta con mattarello oppure con l'aiuto dell'apposita macchina stendi-pasta, di uno spessore di qualche millimetro, a piacimento....sottile come un velo per i "galani", un po' più spessa per i "crostoli". Con una rotella dentata ritagliare dei rettangoli.
Friggere in olio di semi abbondante, fino a che saranno dorati, scolare e asciugare su carta assorbente. Far raffreddare e spolverizzare con dello zucchero a velo.

Consigliamo l'accompagnamento col nostro Grapariol: la discreta acidità e la frizzantezza di questo vino si sposano perfettamente con la croccantezza e la dolcezza dei crostoli, lasciando la bocca bella pulita... provate ad alternare un crostolo e un sorso di Grapariol... non riuscirete più a smettere!!!